DIFENDERE LA PACE NON PUO’ ESSERE UNA COLPA

DIFENDERE LA PACE NON PUO’ ESSERE UNA COLPA

Voler difendere la pace non può essere considerata una colpa. Accusare l’Anpi e i suoi iscritti di essere “filo-putiniani” è infondato, inaccettabile e rappresenta un ingiustificabile attacco verso un’associazione che della riconquista e della difesa della democrazia ha fatto la ragione della sua esistenza. Non spetta a noi o ad altri dover spiegare cosa sia l’ANPI. La storia e il presente dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia parlano chiaro. Si può avere posizioni e pareri differenti dall’ANPI. Ma un conto è il diritto sano di critica e la dialettica democratica che nessuno vuole mettere in discussione o far tacere. Altra cosa sono la sistematica denigrazione, la calunnia e linciaggio, anche mediatico contro l’ANPI, i suoi dirigenti e i suoi iscritti con modalità incivili. Attacchi simili nelle ultime settimane hanno colpito anche intellettuali e giornalisti colpevoli di cercare di fare approfondimenti su questo terribile e disumano conflitto.

Non si può demonizzare chi – pur avendo chiaro chi è l’aggressore e chi l’aggredito, quindi le colpe e le responsabilità di questa guerra – invita a fare analisi.

L’ANPI da sempre svolge un ruolo centrale di garante dei principi fondanti della Costituzione nata dalla lotta al nazi-fascismo, dopo la Seconda Guerra Mondiale: e la nostra Carta condanna la guerra, tutte le guerre, come risoluzione delle controversie internazionali. Oggi l’ANPI ci ricorda con coraggio e determinazione i valori che ci hanno lasciato in eredità i padri della Costituzione e in coerenza sostiene la necessità di intervenire sulla guerra in Ucraina, non solo condannando da subito l’invasione criminale della Russia e riconoscendo il diritto di un popolo aggredito a difendersi ma anche cercando di capire le ragioni e le cause di questo conflitto per individuare le soluzioni praticabili per far tacere le armi, fermare le stragi di civili e di soldati che, giorno dopo giorno, crescono sempre più con il pericolo di precipitare in una terza guerra mondiale tra potenze con arsenali nucleari.

L’ANPI, e anche noi della Rete Nobavaglio, di Articolo 21, di Libera Informazione così come tante realtà del mondo cattolico, del volontariato e del terzo settore, crediamo nel ruolo di pacificazione che dovrebbe essere svolto dalla diplomazia internazionale, dalla UE, dall’Onu e dal nostro Paese. La necessità di perseguire le strade della diplomazia, richiamata con forza dall’ANPI, prescinde dalle diverse letture sul confitto e dalla solidarietà alla popolazione ucraina. Dare voce e far sentire le ragioni della pace è fondamentale per quanti credono in un dialogo costruttivo per un futuro di pace tra i popoli
e in un mondo migliore, a partire da chi, nella stessa Russia di Putin, oggi va incontro ad arresti e vessazioni per essersi opposto a questo conflitto.

RETE NOBAVAGLIO, ARTICOLO 21, LIBERA INFORMAZIONE, LIBERTA’ E GIUSTIZIA, MOVE ON

Pubblicato da RETE #NOBAVAGLIO

🗣️RETE #NOBAVAGLIO - Diritti Ambiente Solidarietà - LIBERI DI ESSERE INFORMATI 🔻 E' una rete nata da un appello scritto insieme a Stefano Rodotà: è formata da cittadini, attivisti per i diritti, giornalisti, operatori dell'informazione, foto e video reporter, blogger, mediattivisti. Lotta contro i bavagli, contro i vecchi e i nuovi fascismi contro sessismo e diseguaglianze in difesa dei diritti civili e umani e dei beni comuni come istruzione, conoscienza, sanità, sport, ambiente.